giannini

Info: Your browser does not accept cookies. To put products into your cart and purchase them you need to enable cookies.
Dalla "Greater Britain" alla "World Society". Forme del discorso imperiale britannico tra l'Ottocento e il NovecentoOrdine e disordine. Amministrazione e mondo militare nel Decennio francese








Il Mezzogiorno e il Decennio. Architettura, città, territorio
View Full-Size Image


  AA.VV. a cura di Alfredo Buccaro, Cettina Lenza, Paolo Mascilli Migliorini

Il Mezzogiorno e il Decennio. Architettura, città, territorio

e.book: 978-88-6906-040-7


Price: 10,00€





Il Mezzogiorno e il Decennio. Architettura, città, territorio

Codice: 549-9
Anno edizione: 2012
Pagine: 456 (edizione cartacea)
Collana: Decennio Francese (1806-1815)
Atti del quarto seminario di studi sul “Decennio francese” – Napoli-Caserta, 16-17 maggio 2008

Questo volume raccoglie gli atti del quarto seminario di studi promosso dal Comitato nazionale per le celebrazioni del Bicentenario del Decennio francese, svoltosi a Napoli e a Caserta nei giorni 16 e 17 maggio 2008 e specificamente dedicato ai temi della città e dell’architettura durante il governo dei napoleonidi nel Regno di Napoli. Come evidenziato da un’ormai salda tradizione di studi, la portata storica di quel breve intervallo cronologico è stata di cruciale rilevanza per gettare le basi di uno Stato moderno nel Mezzogiorno continentale, centralizzato e funzionale, imperniato sul ruolo cardine della capitale e sulla sua relazione con i capoluoghi, secondo una gerarchia di relazioni in grado di incidere capillarmente sulla realtà sociale e territoriale sostituendo del tutto le strutture di Antico Regime; una rete organizzata di relazioni, anche cinematiche, che, per la prima volta, si precisa in quella dell’articolazione amministrativa e dei relativi organi periferici distribuiti nelle province. Una ‘modernizzazione’ sotto il profilo politico-amministrativo e socio-economico che non può non riverberarsi sugli assetti fisici della città e del territorio e di cui l’urbanistica e l’architettura avrebbero dovuto offrire, al tempo stesso, gli strumenti e le icone. La cultura tecnica e artistica – rinnovata anch’essa nelle figure professionali e nei relativi percorsi formativi – è chiamata infatti ad affrontare l’infrastrutturazione a grande scala, la realizzazione di nuove attrezzature e la definizione (o riconfigurazione) di edifici e spazi pubblici tramite un ‘linguaggio’ riconoscibile e coerente.

 
 

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

List All Products


Advanced Search
Download Area
Show Cart
Your Cart is currently empty.