giannini

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
Gli impianti di sollevamentoLa fabbrica felice








Insediamenti ecosostenibili. Vivibilità e innovazione
Visualizza Ingrandimento


  AA. VV. (a cura di Piemontese A.)

Insediamenti ecosostenibili. Vivibilità e innovazione

e.book: 978-88-6906-063-2


Prezzo: 10,00€





Insediamenti ecosostenibili. Vivibilità e innovazione

Codice: 708-0
Anno edizione: 2013
Pagine: 360 (edizione cartacea)

Antonietta Piemontese è professore di Progettazione Architettonica e Urbana presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, dove dirige il Corso di Master universitario di II livello in "Progettazione e recupero architettonico, urbano e ambientale con l'utilizzo di tecnologie innovative". E’ stata direttore del Dipartimento di Progettazione Architettonica e Ambientale e Coordinatore del corso di dottorato in Progettazione Architettonica e Ambientale. Ha pubblicato numerose monografie e saggi. Attualmente si occupa dei complessi rapporti fra architettura e ambiente. L'architettura, quale soggetto attivo della trasformazione artificiale dell'ambiente naturale, è attore principale e non comprimario nelle alterazioni ambientali, nell'intera filiera di produzione e attuazione del costruito. Oggi lo stretto legame fra architettura e ambiente, per mitigare il degrado e dare una reale vivibilità alle collettività urbanizzate, deve risiedere nella definizione e articolazione di processi progettuali strettamente collegati all'uso di materiali innovativi e di tecnologie attive e passive che possano fare uso delle energie rinnovabili. E necessario stabilire nuovi comportamenti ideologici e sociali che possano considerare la conservazione ambientale come un modello etico di sopravvivenza per l'uomo. L'architettura mediante nuovi criteri di progettazione, deve poter esprimere i nuovi modi di relazione sociale e ambientale, anche attraverso l'elaborazione di configurazioni che sappiano usare sinergicamente innovazioni tecnologiche e saperi antichi.