giannini

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
Cantieri di architetturaItalia e mondo tedesco nell'epoca di Adenauer. Il problema sudtirolese e la politica di Antonio Segni








L'arte della misura. Contributi su fenomenologia e conoscenza naturale
Visualizza Ingrandimento


  Felice Masi

L'arte della misura. Contributi su fenomenologia e conoscenza naturale

e.book: 978-88-6906-059-5


Prezzo: 10,00€






L'arte della misura. Contributi su fenomenologia e conoscenza naturale

Codice: 636-6
Collana: itaca vol. 1
Edizione: 2012
Pagine: 180
(edizione cartacea)
La storia della misura e dei suoi strumenti è ben più ampia di quella della scienza: è storia materiale e delle idee, degli strumenti e delle macchine, delle arti e della medicina, dei commerci e delle navigazioni. L’arte della misura, la metrica, è infatti quel tentativo di misura in cui la conoscenza del mondo naturale è ogni volta impegnata. Tentativo inevitabilmente ambiguo ed oscillante che attraversa l’intera vicenda del pensiero occidentale. I contributi che compongono questo volume muovono dallo Husserl di Gottinga, in cui i primi abbozzi di una teoria dell’esperienza e del pensiero sono connessi alle domande della conoscenza naturale, alla determinazione del suo linguaggio ed alla formazione dei suoi concetti. Uno Husserl che – nella malinconica ricerca dell’unità di quei problemi, e di se stesso con quei problemi – trova il proprio centro nella stessa nozione di misura e nell’esperienza che di essa si fa, la Meßkunst, l’arte della misura, appunto. Attraverso un insistito confronto con la tradizione filosofica moderna di Hume e Kant, e con quella antica di Platone e Aristotele, ma anche con l’epistemologia contemporanea di Schlick e Carnap, Whitehead e Popper, si tenta così non certo di ricomporre una fenomenologia della natura, ma almeno di fare luce su una relazione – quella con la cosa naturale – a cui è appeso il Göttingen-Projekt e la formazione della fenomenologia come filosofia trascendentale. Come filosofia della misura.

Felice Masi è Assegnista di Ricerca presso il Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta” dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Tra le sue ultime pubblicazioni: Emil Lask. Il Pathos della Forma, Macerata 2010, ed I modi della figura. Tre studi per un’estetica eidologia, Napoli 2011. Per questi stessi tipi, ha curato l’edizione italiana di Edmund Husserl, Sulla fantasia. Manoscritti 1918-1924, Napoli 2009 e ha pubblicato, con Maria Teresa Catena, Fenomenologia e Critica della Ragione, Napoli 2008.