giannini

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
Due di uno. Fenomenologia della riscrittura cinematograficaMosè, il monoteismo e la genesi del politico








Spiritualmente l'uomo abita sulla terra
Visualizza Ingrandimento


  Giuseppe Lissa

Spiritualmente l'uomo abita sulla terra

e.book: 978-88-6906-007-6


Prezzo: 5,00€





Spiritualmente l’uomo abita sulla terra

Codice: 511-6
Anno edizione: 2011
Pagine: 88 (edizione cartacea)
Collana: Tasselli  n. 10

Nel mondo plasmato dalle macchine e dalla tecnica entrata nell’era del digitale, abita l’uomo. Ma l’uomo, questo “uomo interpellato”, vi abita con disagio o con soddisfazione?
Il presente volume, a partire da questo tenore di questioni, si interroga principalmente sull’identità e lo statuto di siffatto “uomo interpellato”, evidenziando un preliminare spartiacque per ogni ipotesi di neo-umanesimo a venire nella irreversibilità delle acquisizioni, comunque straordinarie sia dal punto di vista concettuale che pratico-applicativo, del soggetto agente venuto fuori dalla ineludibile rivoluzione del moderno.

Giuseppe Lissa è Professore Ordinario di Filosofia Morale presso l’Università Federico II di Napoli. Allievo di Pietro Piovani, è autore di numerosi studi sul pensiero filosofico, etico e politico dell’età moderna e contemporanea. È membro di Comitati Scientifici di numerose Riviste di Filosofia, ed è Socio Nazionale dell’Accademia di Scienze, Lettere ed Arti di Napoli. Negli ultimi anni ha concentrato la sua attenzione sul pensiero ebraico e in particolare sulle questioni etico-filosofiche aperte dall’evento Sho’ah nel pensiero del XX secolo. Si occupa inoltre di problemi di bioetica ed è stato Direttore, dal 1997 al 2003, del C.I.R.B. (Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica). Tra i suoi scritti recenti: Anti-ontologismo e fondazione etica in Piovani (2001); Percorsi del Moderno (2002); Percorsi levinasiani (2003); Nuovi percorsi levinasiani (2007); La gioia del plurale (2007); L’eclisse del peccato originale: rischio antropologico (2009).