giannini

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
La destinazione etica della storia della filosofia in Ernst Cassirer. Le testimonianze di Descartes e GoetheLuoghi del bonheur. Elementi per un'antropologia tra libertinismi e mondo dei lumi








Il primato della politica e le sfide dell'etica. Percorsi etici del Positivismo
Visualizza Ingrandimento


  Giuseppe Lissa

Il primato della politica e le sfide dell'etica. Percorsi etici del Positivismo

978-88-7431-291-7


Prezzo: 20,00 €





Anno edizione: 2005
Pagine: 284
Collana: Cultura Filosofica e Scienze Umane - n. 6
Formato: 14,2x22
Brossura

anteprima leggi l'anteprima del libro  
ebook acquista il volume in ebook .PDF 10,00 €

Questo volume copre alcuni percorsi in un territorio vasto, contraddittorio e frastagliato. L’epoca dell’imperialismo che non può essere identificata come l’epoca dell’aurea sicurezza, né come l’epoca del trionfo del liberalismo ma, come voleva Hannah Arendt, come l’epoca in cui si accumulano tutti i veleni che si rovesceranno nelle esperienze totalitarie del XX secolo, è anche l’epoca in cui si afferma un’ideologia fondata su una ontologia che l’autore propone di definire “ontologia della guerra”, che interpreta la vita come lotta di tutti contro tutti. Nell’orizzonte dominato da questa ideologia, proprio i positivisti, a prescindere dalle loro ingenuità teoriche o, come vogliono gli idealisti, dalle loro rozzezze teoriche, appaiono invece preoccupati di circoscrivere uno spazio di autonomia dell’etica e di definirne i confini in maniera tale da metterla in condizione di limitare la politica, proiettata verso l’affermazione della propria assolutezza.

Giuseppe Lissa è Professore Ordinario di Filosofia Morale presso il Dipartimento di Filosofia “A. Aliotta” – di cui è anche Direttore – dell’Università Federico II di Napoli. Allievo di Pietro Piovani e di Fulvio Tessitore, è autore di numerosi studi sul pensiero filosofico, etico e politico dell’età moderna e contemporanea. Negli ultimi anni ha concentrato la sua attenzione sul pensiero ebraico e in particolare sulle questioni etico-filosofiche aperte dall’evento Sho’ah nel pensiero del XX secolo. Si occupa inoltre di questioni di bioetica, ed è Direttore del C.I.R.B. (Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica). Tra i suoi scritti si possono qui ricordare: Cartesianesimo e anticartesianesimo in Fontenelle (1971); Fontenelle tra scetticismo e nuova critica (1973); K. Axelos, Per un’etica problematica, a cura di G. Lissa (1974); Kostas Axelos e il tema del disvelamento (1975); Economia e sovranità in Georges Bataille (1979); L’utopia tra l’arte e la rivoluzione: Trotzski e Breton (1979); B. Fontenelle, Storia degli Agiaoiani, a cura di G. Lissa (1979); E. Lévinas, L’aldilà del versetto, a cura di G. Lissa (1986); Critica dell’ontologia della guerra e fondazione metafisica della pace in Emmanuel Lévinas (1987); Filosofia ebraica oggi (1994); La Sho’ah tra interpretazione e memoria, (Atti del Convegno internazionale di studi, Napoli 5-9 maggio 1997), a cura di P. Amodio, R. De Maio e G. Lissa; Phénoménologie et/ou herméneutique chez Emmanuel Lévinas (1999).

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

Tutti i prodotti


Ricerca Avanzata
Mostra Carrello
Il carrello è vuoto.