Home/Architettura
  • Relazione introduttiva/ Introductory Essay: Rosa Anna Genovese Saluti Istituzionali / Institutional Greetings: Pasquale De Toro, Maurizio Di Stefano, Renata Picone Saggi di / Essays by: Marcello Balzani, Andrea ed Enrico Cabrucci, Massimiliano Campi, Valeria Cera, Teresa Colletta, Valeria D’Ambrosio, Antonio De Simone, Federico Ferrari, Francesco Forte, Rosa Anna Genovese, Luigi Fusco Girard, Paolo Giulierini, Mario Losasso, Federica Maietti, Laura Moro, Maria Chiara Pozzana, Luca Rossato. Rosa Anna Genovese è Professore abilitato Ordinario di ‘Restauro’ (ICAR19) dell’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’: • nel Dipartimento di Architettura (DiARC); • nella ‘Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio’ (SSBAP). Docente (1991/2004) nel Corso di laurea in ‘Conservazione dei Beni culturali’ dell’Università degli Studi di Napoli ‘Suor Orsola Benincasa’. Docente del Corso di Dottorato del ‘Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali’ (Ravello 2003). Architetto, specializzata in Restauro architettonico ed urbano, ha compiuto costantemente la sua formazione culturale alla Scuola di Roberto Di Stefano, del quale è stata assistente dal 1976 al 2001. Ha coordinato le attività di ricerca, didattiche e culturali della ‘Scuola di specializzazione in Restauro dei monumenti’ dell’Università di Napoli ‘Federico II’, dal 1976 al 2005. Membro dell’ICOMOS Academy. Vice-Presidente, per l’Europa e l’Africa, dell’ISC ICOMOS ‘CIIC-Cultural Routes’, dal 2021. Membro Esperto e Votante dei Comitati Scientifici Internazionali ICOMOS: ‘Theory and Philosophy of Heritage Conservation and Restoration’ (TheoPhilos) e ‘Cultural Routes’ (CIIC) di cui è stata, dal 1999 al 2005, Segretario Generale e, dal 2005 al 2017, Assistente del Presidente. Membro eletto del Comitato Esecutivo Internazionale ICOMOS (1999/2005). Segretario Generale del Comitato Italiano ICOMOS (1981/2007). Membro del Consiglio direttivo del Comitato Italiano ICOMOS (2010/2019). Coordinatore dei Comitati Scientifici Nazionali ICOMOS (2011-2020) e del CSN ‘Documentazione del Patrimonio culturale-CIPA’. È coordinatore scientifico dal 2021 del CSN ICOMOS ‘CIIC-Itinerari Culturali’. Esperta della Convenzione del Patrimonio mondiale UNESCO per la valutazione delle proposizioni d’iscrizione di beni culturali nella World Heritage List. È autrice di circa duecento pubblicazioni a stampa, tra le quali si ricordano i volumi: • ‘Archeologia industriale in Campania alla fine del XIX secolo’, 1982; • ‘Giuseppe Fiorelli e la tutela dei beni culturali dopo l’Unità d’Italia’, 1992 • ‘La chiesa trecentesca di Donna Regina’, 1993; • ‘Tecniche per il restauro. Note sul rilevamento fotogrammetrico’, 1994; • ‘Note in materia di Conservazione e Restauro dei monumenti’, 1996; • ‘Gaetano Genovese e il suo tempo’, 2000; ed i numerosi saggi, apparsi con continuità fino ad oggi in volumi nazionali ed internazionali. È stata, inoltre, curatrice di molteplici pubblicazioni di Atti di Congressi scientifici sulla Conservazione, il Restauro e la Valorizzazione del Patrimonio culturale. Redattore capo della Rivista ‘Restauro’ (1979/2004). Redattore per l’Italia della Rivista ‘ICOMOS information’. Membro del CS della Rivista BDC. Vincitrice nel 2000 del Premio nazionale ‘Capri - San Michele’ (Sezione Arte) come Autrice del volume ‘Gaetano Genovese e il suo tempo’. Relatrice, promotrice e coordinatore scientifico di innumerevoli Congressi e Simposi, internazionali e nazionali, sulla conservazione, il restauro, la tutela, la valorizzazione e la gestione dei beni culturali. Membro di vari Gruppi di ricerca, tra cui i Progetti Faro: ‘Pompei accessibile. Linee guida per una fruizione ampliata del sito archeologico’ (2011/2013); ‘Cilento Labscape. Un modello integrato per l’attivazione di un Living Lab nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano’ (2012/2014); ed il Progetto ‘Stress Metropolis’ (2013 /2017). Ha diretto, tra il 1980 ed il 1991, numerosi cantieri di Restauro architettonico nell’Equipe di Roberto Di Stefano ed a titolo personale.
  • Progetto Metropolis

    AA.VV.
    0,00
    Dettagli
    AA.VV.
  • Progetto Metrics

    AA.VV.
    0,00
    Dettagli
    AA.VV.
  • Progetto Smartcase

    AA.VV.
    0,00
    Dettagli
    AA.VV.
  • Note sulla macchina scenica del mare

    Eleonora Parascandolo
    5,00
    Scegli Dettagli
    Eleonora Parascandolo
  • La dimora degli Epidii

    Alessandro Gallo
    15,00
    La casa di M. Epidio Rufo è una delle più prestigiose architetture domestiche della città di Pompei, costruita nel II sec. a. C. ad imitazione dei grandi complessi palaziali ellenistici. Caratteristico l’atrio-peristilio a sedici colonne, unico a Pompei, ed una decorazione scultorea in tufo che richiama figure e motivi dionisiaci, in perfetta assonanza con l’ambiente socio-economico e religioso della gens che l’abitava, di stirpe osca antica e di provenienza nocerina.   Dott. Alessandro Gallo, anni 82, Archeologo, ha partecipato negli anni ’80 dello scorso secolo a tutte le campagne di scavo, della Villa romana del “Naniglio” di Gioiosa Jonica (RC) guidate dal Prof. Alfonso de Franciscis dell’Università Federico II di Napoli. A Pompei ha condotto indagini stratigrafiche nella Regio I e nella Regio IX della città, che hanno fornito utilissimi dati per la conoscenza delle fasi storiche più antiche, sia sotto il profilo urbanistico che economico-sociale, nonché per la conoscenza dei culti più arcaici degli abitanti (area sacra arcaico-ellenistica nell’insula 1 della Regione IX). Al suo nome figurano numerose pubblicazioni su Riviste scientifiche concernenti i predetti argomenti, nonché alcune monografie dedicate alle più importanti realtà edilizie abitative di carattere privato.
    Scegli Dettagli
    Alessandro Gallo
  • La cellula Laboratorio

    Ombretta Iardino
    25,00
    Scegli Dettagli
    Ombretta Iardino
  • Il monastero ritrovato

    Giuseppe Pignatelli
    20,00
    Aggiungi al carrello Dettagli
    Giuseppe Pignatelli
  • Ginus Loci

    Gino Anselmi
    12,00
  • Scegli Dettagli
    Ombretta Iardino
Torna in cima